• AOSTA_Marzia Migliora_Castello BARD2
  • AOSTA_Marzia Migliora_Castello BARD2

Alessio Ancillai

Abandoning reason generates fantasy 2015

VENAFRO (Isernia)

Castello Pandone – Museo nazionale del Molise

18 ottobre 2015 – 22 febbraio 2016


Abandoning reason generates fantasy di Alessio Ancillai è un’installazione ambientale tecnologica e interattiva che nasconde in sé un messaggio visibile solo se lo spettatore si fa ricercatore curioso e, avvicinandosi, trova il punto dove la seta “vibra”. Solo allora, egli conquista, idealmente, la cima del suo albero, accede al suo bottino proteico, al nutrimento della mente. Solo allora, scrive Alessio Ancillai: «Il “segreto” è scoperto. La cuccagna è riuscire a lasciare gli schemi della ragione, senza la paura di non saper immaginare e lasciarsi guidare dall’arte per trovare la propria fantasia, ossia il movimento verso una pagina bianca che verrà scritta solamente se si trova la leggerezza di bambino che sa “giocare” con l'opera, trasformandola in un luogo inventato.» Gli alberi di Alessio Ancillai compongono una sorta di fiabesca scenografia, dove la rossa verticalità dei LED punta dritta verso una verità invisibile e gioiosa.  E la seta bianca si muove con la sensibilità di una pelle che reagisce al minimo spostamento d’aria. Su di lei scivola la luce con rari bagliori che solo sulla sommità arrivano a comporre forme e ad articolar parole. (beniculturali.it)

L'artista

Alessio Ancillai vive e lavora a Roma nella zona Pigneto. Esprime la sua ricerca nel campo della pittura, videoart, installazione e poesia. Segue una ricerca sulle dinamiche interumane. Ultimamente il suoi sforzi sono duplici. Sta lavorando sia a un progetto che esplora ed approfondisce lo specifico umano (linea come caratteristica umana) e le immagini interne della fantasia umana. E in modo binario si sta impegnando anche su un secondo fronte che esplora le dinamiche di perdita ed assenza di umanità, partendo da un particolare punto di vista sociale (morti sul lavoro). Formato in materie medico scientifiche, si dedica professionalmente alla ricerca artistica dal 2000.