• AOSTA_Marzia Migliora_Castello BARD2
  • AOSTA_Marzia Migliora_Castello BARD2
  • AOSTA_Marzia Migliora_Castello BARD2

Marinella Senatore

Jammin’ Drama Project  2011/ 2014

Courtesy l’artista e MOTInternational, Londra e Bruxelles

BERGAMO

Gamec 10 ottobre 2015


 

Il film Jammin’ Drama Project è stato realizzato ad Harlem, New York, e ha riunito diverse comunità residenti, associazioni di afroamericani, ispanici, gruppi di poeti, rapper, studenti, o semplici cittadini, con oltre cinquecento persone coinvolte che hanno lavorato fianco a fianco per dare vita a un canovaccio, poi recitato da due attori professionisti (non appartenenti alle comunità), in presenza degli autori. Un lavoro liberamente ispirato alla pellicola di John Cassavetes Love Streams (1984), iniziato dall’artista nel 2011 e sviluppato e portato a termine nel 2014 grazie alla chiamata di AMACI.Il progetto, in visione fino al 22 ottobre 2015, è inoltre parte della mostra L’albero della cuccagna. I nutrimenti dell’arte – a cura di Achille Bonito Oliva e realizzato in occasione di Expo 2015 – che prevede la committenza ad artisti italiani e stranieri di un’opera dedicata al tema dell’albero della cuccagna, al fine di collegaremuseie istituzioni pubbliche e private in una rete espositiva in continua evoluzione.

L'artista

Marinella Sen­a­tore ha fre­quen­tato la Scuola Nazionale di Cin­ema di Roma, la Scuola di Belle Arti di Napoli, ed è lau­re­ata in Arte presso Uni­ver­sity of Castilla-La Man­cha, dove in realtà sta fre­quen­tando un dot­torato in Pub­lic Art. Nelle sue opere usa la luce tipica del cin­ema con film e instal­lazioni video e di recente si ded­ica anche a fotografia, instal­lazione, dis­egno e pit­tura, inda­gando sui con­cetti di “memo­ria col­let­tiva”, modal­ità di nar­razione e mec­ca­n­ismi sociali di relazioni. Negli ultimi anni, Marinella Sen­a­tore orga­nizza pro­duzioni cin­e­matogra­fiche nel quadro dei suoi prog­etti didat­tici che coin­vol­gono intere comu­nità nel processo cre­ativo e pro­dut­tivo. Il suo lavoro è stato esposto ampia­mente in tutta la Italia e all’estero, tra cui Museo Museum Boi­j­mans Van Beunin­gen, Rót­ter­dam, Mod­erna Museet, Stock­olm, The Museum of Con­tem­po­rary Art Chicago.