L’Albero della Cuccagna. Nutrimenti dell’arte

"L’Albero Della Cuccagna
Nutrimenti dell’arte" è il titolo di un progetto espositivo ideato e curato da
Achille Bonito Oliva

Achille Bonito Oliva

Critico d'arte di fama internazionale (n. Caggiano, Salerno, 1939). Dopo gli studi giuridici si è laureato in Lettere, partecipando attivamente alla temperie culturale legata al Gruppo 63. Dal 1968 insegna storia dell'arte contemporanea all'Università La Sapienza di Roma. Assertore di una funzione attiva del critico a fianco dell'artista, è stato il teorico del movimento artistico Transavanguardia. Ha esplorato snodi della storia dell'arte quali il manierismo, le avanguardie storiche, le neoavanguardie. Curatore generale della Biennale di Venezia del 1993, ha promosso l’arte contemporanea con centinaia di mostre ed eventi (Contemporanea, 1973; Aperto 80, 1980; Minimalia, 1997, Le Tribù dell’Arte (2000). Tra i saggi: Il territorio magico (1971); L'ideologia del traditore: arte, maniera, manierismo (1976); L'arte fino al 2000 (1991);  Le nuovegenerazioni (2002); Autocritico/automobile (2002);  Lezione di boxe. Dieci round sull'arte contemporanea (2004); Dadada: Dada e dadaismi del contemporaneo 1916-2006 (2006).

E’ curatore dell'Enciclopedia delle arti contemporanee, della quale a oggi sono stati editi tre volumi (2010, 2013, 2015). Ha ricevuto numerosi premi onorificenze. E’ Chevalier pour les artes et lettres par la Republique Francaise (1992), Medaglia d’oro per la cultura della Presidenza della Repubblica Italiana (2006), Grand’Ufficiale della Repubblica italiana (2012). Tra i progetti più recenti, la trasmissione televisiva FUORI QUADRO in onda su RAI 3 nel 2014 e 2015 e la mostra “L’albero della cuccagna. I NUTRIMENTI DELL’ARTE” promossa da Expo 2015.

Il progetto

Una mostra diffusa in tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, che dall’estate 2015 alla primavera del 2016 ha coinvolto musei e fondazioni pubbliche e private e oltre 40 artisti, scelti dal critico d’arte per realizzare opere ispirate al tema arcaico dell'albero della cuccagna. Il progetto, presentato a settembre 2015 sotto il patrocinio di EXPO 2015, è stato realizzato con la collaborazione del Programma sperimentale per la cultura Sensi Contemporanei dell’Agenzia per la Coesione Territoriale e del MiBACT.

CONCEPT
Il progetto interpreta il tema del cibo e dell’alimentazione, dell’abbondanza e del suo raggiungimento, con un originale approccio che parte dal mito per aprirsi al contemporaneo. Da qui il riferimento alla favola popolare. Nell’immaginario collettivo l’albero della cuccagna rappresenta il paese dell’abbondanza e il luogo del divertimento, ma anche l’impegno e il sacrificio della conquista. Un soggetto iconografico che ha alle proprie spalle una lunga tradizione e un’altrettanto arcaica memoria popolare, legata all'albero sacro della fertilità di derivazione celtica. In occasione dell’EXPO 2015 l’albero diviene un’installazione creata da artisti contemporanei, italiani e stranieri, che permette di realizzare opere interattive, che sollecitano l’intervento dei bambini e dei giovani, connotando anche ludicamente l’evento espositivo. È la dimostrazione che l’arte contemporanea non è vietata ai minori. Nello stesso tempo diventa anche il monito dell’arte che vuole invitare il pubblico ad una presa di coscienza nei confronti del tema dell’alimentazione e delle sue implicazioni sociali.
Ogni Fondazione/Museo che aderisce al progetto ha commissionato oppure ospitato l’opera di un’artista ispirata al tema dell’Albero della cuccagna, in accordo con il curatore generale, costruendo una rete espositiva che si sviluppa nel tempo e nello spazio. La mostra si è, infatti, diffusa dal Nord al Sud d’Italia, valorizzando, da una parte, il lavoro di realtà pubbliche e private già consolidate, che vantano un curriculum di eccellenza e un raggio d’azione di ampiezza internazionale; dall’altra, stimolando da un punto di vista culturale e organizzativo territori che, invece, non hanno alle proprie spalle realtà “collaudate” nel campo della promozione dell’arte contemporanea. Per questo motivo l’iniziativa costituisce una preziosa occasione per sperimentare ma anche allargare quella “rete del contemporaneo” in Italia, che dal 2012 è oggetto di discussione e d’interesse da parte sia del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo sia degli Enti territoriali autonomi. Principale obiettivo della manifestazione è incoraggiare un processo di avvicinamento all’arte contemporanea di un ampio spettro di pubblico, composto non solo di appassionati ma anche di fruitori occasionali e studenti chiamati a confrontarsi con le più diverse espressioni e linguaggi dell’arte - dal fumetto all’audiovisivo alla scultura, all’installazione alla performance – capaci di una funzione narrativa e interpretativa del presente. .

ORGANIZZAZIONE
Coordinatore generale Francesca Franco Coordinatore della comunicazione Paola Marino Organizzazione tecnica Associazione culturale MetaMorfosi, Roma Associazione culturale Spirale d’Idee con la società Mercanti d’Idee, Milano. Ufficio stampa CLP Relazioni Pubbliche, Milano Catalogo Skira, Milano (ed. italiano / inglese)

Gli artisti e le sedi

ABRUZZO

MONTESILVANO (Pescara) – Ex colonia Stella Maris – FELICE LEVINI

BASILICATA

POTENZA – Museo Archeologico Provinciale – TOMASO DE LUCA
MATERA – Centro storico – ELISABETTA BENASSI

CALABRIA

CATANZARO – MARCA – H.H. LIM
COSENZA – Museo del Fumetto – GRAZIA LA PADULA

CAMPANIA

NAPOLI – Museo Archeologico Nazionale – LUIGI ONTANI
NAPOLI – Museo MADRE – MARCO BAGNOLI
NAPOLI – Castel Sant’Elmo – MAURIZIO ELETTRICO
NAPOLI – Fondazione Morra (Vigna San Martino) – PAUL RENNER
NAPOLI – Fondazione Morra Greco Project Room – LORENZO SCOTTO DI LUZIO
FISCIANO (Salerno) – Campus UNISA – COSTAS VAROTSOS
PADULA (Salerno) – Certosa di San Lorenzo – EMILIANO MAGGI

EMILIA ROMAGNA

BOLOGNA – Museo MAMbo – BERTOZZI & CASONI
PIEVE DI CENTO (Bologna) – MAGI ’900 – CLAUDIO COSTA
FAENZA (Ravenna) – MIC – GIUSEPPE DUCROT

LAZIO

ROMA – GNAM – SISLEJ XHAFA
ROMA – MAXXI – PEDRO CABRITA REIS
ROMA – MACRO – GIANFRANCO BARUCHELLO
GENAZZANO (Roma) – CIAC – Museo Colonna – SHAY FRISCH PERI
FRASCATI (Roma) – Scuderie Aldobrandini – GIOVANNI ALBANESE

LIGURIA

GENOVA – Villa Croce – DINO INNOCENTE

LOMBARDIA

MILANO – Hangar Bicocca – PATRICK TUTTOFUOCO
MILANO – Fondazione Mudima – BEN VAUTIER
BERGAMO – GAMeC – MARINELLA SENATORE

MARCHE

MONTEFORTINO (Fermo) Parco Nazionale dei Monti Sibillini – FRANCO LOSVIZZERO

MOLISE

VENAFRO (Isernia) – Castello Pandone Museo Nazionale del Molise – ALESSIO ANCILLAI
VENAFRO (Isernia) – Castello Pandone Museo Nazionale del Molise – THORSTEN KIRCHHOFF
CASACALENDA (Campobasso) – Maack Kalenarte – Museo BALDO DIODATO

PIEMONTE

RIVOLI (Torino) – Castello di Rivoli – LARA FAVARETTO
TORINO – Fondazione Merz – ALFREDO JAAR
TORINO – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo – SEBASTIAN LLOYD REES
BIELLA – Cittadellarte / Fondazione Pistoletto – MICHELANGELO PISTOLETTO

PUGLIA

LECCE – Complesso Monumentale Carlo V – MIMMO PALADINO

SARDEGNA

NUORO – MAN – REMO SALVADORI

SICILIA

PALERMO – Cantieri culturali alla Zisa – STEFANIA GALEGATI SHINES
GIBELLINA (Trapani) – Fondazione Orestiadi – ALFONSO LETO
GIBELLINA (Trapani) – Fondazione Orestiadi – JONIDA XHERRI

TOSCANA

SAN GIMIGNANO (Siena) – Galleria Continua – PASCALE MARTHINE TAYOU

TRENTINO ALTO ADIGE

BOLZANO – Museion – GOLDSCHMIED & CHIARI
ROVERETO (Trento) – MART – MASBEDO

UMBRIA

SPOLETO (Perugia) – Rocca di Albornoz – LUCA MARIA PATELLA

VALLE D’AOSTA

BARD (Aosta) – Forte di Bard – Museo delle Alpi – MARZIA MIGLIOR

VENETO

VENEZIA – Ca’ Pesaro – PER BARCLAY